Chi siamo Servizi Partners e Associates Dove siamo Utilita Assistenza Clienti

Breviario di Economia e Finanza Attraverso le parole

In questa sezione trovi la definizione di alcuni termini di uso comune nel campo dell'Economia e della Finanza.


Cerca parola:
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W Z Tutte

Lettera T
T-bill

Titoli obbligazionari a breve termine, in genere della durata di 3-6 mesi. È l'unica forma di emissione che Grecia, Portogallo e Irlanda continuano ad effettuare dopo i salvataggi da parte dell'Eurogruppo. Servono ad esigenze di finanziamento di breve termine degli Stati. Lisbona, Dublino e Atene invece non vanno più sul mercato per operazioni di medio-lungo termine a causa dei tassi d'interesse proibitivi.

(Il Sole 24 Ore 07-07-2011)

 

TAEG

È l'acronimo dell'espressione Tasso Annuale Effettivo Globale; rappresenta lo strumento principale di trasparenza nei contratti di mutuo e di credito al consumo. E' un indice armonizzato a livello comunitario che, nelle operazioni di credito al consumo, rappresenta il costo totale del credito a carico del consumatore, comprensivo degli interessi e di tutti gli altri oneri da sostenere per l'utilizzazione del credito stesso. Il Taeg è espresso in percentuale del credito concesso e su base annua. Deve essere indicato nella documentazione contrattuale e nei messaggi pubblicitari o nelle offerte comunque formulate. (Tutto Mutui - Il Sole 24 Ore 07-01-2012)

Take-or-pay

Con la formula Take-or-pay ci si riferisce alla clausola inclusa principalmente nei contratti di acquisto di gas naturale, in base alla quale l'acquirente è tenuto a corrispondere comunque, interamente o parzialmente, il prezzo di una quantità minima di gas prevista dal contratto, anche nell'eventualità che non ritiri tale gas. La durata dei contratti in cui questa clausola è presente - stipulati tra produttori e grandi acquirenti e i cui contenuti specifici spesso non sono noti nel dettaglio - è di solito molto lunga e quindi i prezzi tendono a essere determinati da complessi parametri.

(Il Sole 24 ore 21-12-2011)

 

Take-over

È'  l'acquisizione del controllo di una società da parte di un'altra grazie al rastrellamento delle azioni sul mercato. Il controllo si realizza mediante una partecipazione che dia la possibilità di disporre della maggioranza dei diritti di voto esercitabili nell'assemblea ordinaria, e cioè di porre in atto un'influenza dominante nella stessa assemblea. Per take-over bid si intende la tecnica con cui si acquisisce un quantitativo minimo  di azioni senza acquisti di Borsa.

(Il Sole 24 Ore 02-08-2011)

TAN

È l'acronimo dell'espressione Tasso Annuo Nominale; indica il tasso d'interesse (ossia il prezzo), in percentuale e su base annua, richiesto da un creditore sull'erogazione di un finanziamento. A differenza del Taeg (vedi) non esprime il "costo complessivo" del finanziamento che può essere anche molto più alto (per esempio, per spese, oneri e commissioni accessorie). Pertanto un prestito con Tan pari a zero potrebbe avere un Taeg ben maggiore di zero.

(Tutto Mutui - Il Sole 24 Ore 07-01-2012)

 

TAN ( Tasso annuo nominale

E' il tasso che indica esclusivamente la misura degli interessi dovuti su un prestito; non sono comprese eventuali altre spese.(v. anche TAEG)

(Il Sole Ore 01-07-11)

 

Tarp

È l'acronimo utilizzato comunemente per definire il Troubled Asset Relief Program. Si tratta del programma avviato all'indomani della crisi finanziaria del 2008 dal governo degli Stati Uniti per l'acquisto di asset da istituzioni finanziarie e il rafforzamento del settore finanziario. Il piano è stato convertito in legge dall'allora presidente americano, George W. Bush, il 3 ottobre 2008.

(Il Sole 24 Ore 27/07/2011)

Tasso fisso

Con il tasso fisso si paga sempre lo stesso tasso d'interesse e , pertanto, la rata del mutuo non varia per tutta la durata del prestito. E' la scelta più adatta per chi non vuole sorprese anche se nel momento in cui lo si richiede il tasso fisso sarà probabilmente maggiore del corrispondente  tasso variabile.

(Il Sole 24 Ore 01-07-11)

 

Tasso refi

Il tasso di interesse della Banca centrale europea (Bce) è il cosiddetto "tasso refi" (chiamato anche tasso per le operazioni di rifinanziamento). Il tasso refi rappresenta il valore indicizzato che le banche sono tenute a pagare quando prendono in prestito del danaro dalla Bce. Gli istituti bancari fanno ricorso a questa opportunità al momento in cui si trovano ad affrontare periodi di carenza di liquidità. I tassi di interesse interbancari come l'indice Euribor sono molto sensibili alle variazione del tasso refi. Per questo motivo, il tasso di interesse della Bce costituisce un ottimo strumento di intervento sui valori del tasso di mercato. La Bce è responsabile dal 1999 della politica monetaria dell'area dell'euro. Pur non avendo soppiantato il ruolo delle banche centrali dei diversi Paesi, la Bce collabora strettamente con queste ultime. Una delle principali mansioni della Bce è quella di vigilare sulla stabilità dei prezzi nell'area euro e si pone come scopo quello di mantenere il tasso di inflazione a un livello inferiore al 2% annuo. (Il Sole 24 Ore 12-08-2011)

Tax rate

È l'espressione usata nel gergo finanziario per indicare il carico fiscale totale che grava su una determinata operazione, a prescindere da quanti soggetti vi partecipano e quali tributi l'operazione debba scontare. Il tax rate è espresso in percentuale ed esistono diverse modalità per calcolarlo. Non necessariamente si tratta di un'unica aliquota prestabilita dall'ordinamento tributario; anzi, di solito è il risultato della somma algebrica delle diverse tassazioni, deduzioni e detrazioni applicabili a un determinato soggetto. Per le società di capitali (come le Spa e le Srl), il tax rate indica il prelievo complessivo sugli utili e conteggia le diverse voci di carattere fiscale e contributivo che riducono il risultato netto dopo le imposte, ad esempio l'Ires, l'Irap e i crediti d'imposta. Il suo ammontare, quindi, dipende da vari fattori, come l'incidenza della manodopera impiegata da un'impresa [ed i costi considerati "indeducibili" da specifiche norme tributarie.

(Il Sole 24 Ore 07-11-2011)

TEG

È l'acronimo dell'espressione Tasso effettivo globale, e fornisce una indicazione di tutte le spese bancarie di cui il cliente si fa carico per ottenere l'erogazione di un mutuo da parte di una banca.  Espresso in forma percentuale, viene calcolato dalla Banca d'Italia sulla base dei dati forniti dagli intermediari finanziari. (Tutto Mutui - Il Sole 24 Ore 07-01-2012)

TEG (Tasso effettivo globale)

Il Teg serve a determinare il tasso massimo che non può essere oltrepassato secondo quanto previsto dalla legge contro l'usura. L'insieme dei Teg rilevati per una categoria di operazioni costituisce il Tegm (Tasso effettivo globale medio). Viene determinato ogni tre mesi rilevando i tassi praticati sul mercato. I Tegm così ottenuti, maggiorati della metà ( ossia tegm x 1,5) costituiscono i "tassi soglia" superati i quali le operazioni devono essere considerate usuraie.

(Il Sole 24 Ore 01-07-11)

 

Ten-T

I Ten-T (Trans European Network-Transports) sono la prima generazione di opere infrastrutturali strategiche messe a rete dall'Unione Europea. Nascono alla fine degli anni '80 e ricevono la formalizzazione definitiva nel Consiglio europeo di Essen del 1994. Sono in quel momento parte della strategia del Mercato Unico e una componente fondamentale di una politica per la crescita e per la creazione di occupazione.
Le
Ten-T sono state modificate nel 2004 per rispondere alle difficoltà incontrate nel primo decennio e per aggiornare il piano alle nuove esigenze dell'Europa allargata. Gli iniziali 10 progetti diventano 30.

(Il Sole 24 Ore 16-07-2011)

 

TER [Total Expense Ratio]

Il totale dei costi che gravano su un fondo [comune] sono sintetizzati nel Ter (Total Expense Ratio) in percentuale rispetto al patrimonio. Nel prospetto sono dettagliate le componenti: commissioni di gestione, di performance, di negoziazione dei valori sottostanti, spese.

(Il Sole 24 Ore 22-08-2011)

TERP

Il Theoretical Ex Right Price (Terp) è il prezzo teorico di un'azione dopo lo stacco del diritto di opzione relativo a un aumento di capitale. In quello con diritto d'opzione, l'azionista può sottoscrivere oppure cedere il diritto. Il Terp, per l'appunto, indica il prezzo teorico di un'azione dopo che sono stati attribuiti i diritti su un aumento di capitale. Il medesimo concetto è applicato anche ai diritti di opzione per la sottoscrizione di obbligazioni convertibili.

(Il Sole 24 Ore  10-01-2012)

 



Totale : 33 Pagina 1 di 3:1|2|3|-->Succ



Studio Simonazzi - Viale Solferino, 28 - 43123 Parma
Tel. +39 0521 257161 - Fax +39 0521 257223

Links utili
Seminari ed eventi
Job Opportunities
Contatti
English version

ACCESSO AREA RISERVATA
Inserire i dati richiesti per accedere all’area per le aziende con informazioni e documenti riservati.



ACCESSO AREA AZIENDE IN VENDITA
PROCEDURE CONCORSUALI IN CORSO
INVESTMENT OPPORTUNITY

Questo sito utilizza cookie, per saperne di più clicca qui. Cliccando su ok accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.